La Perla del Molise

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Frammmenti d'Antico 2017
- 18 agosto 2017-

È la festa di ringraziamento a Santa Caterina. Il duca nel pomeriggio sfila in corteo con tutta la corte e, sul calar della sera, si reca nell’antico Rione di Santa Caterina per dare inizio alla festa nel borgo, ricca di piatti tipici, balli, musiche e canti, fuochi e fantasie, in piena e coinvolgente allegria.
La leggenda vuole che sin da tempi antichi, in una notte del mese di agosto, dal castello che sovrasta la roccia posta al centro del paese, si librassero delle fate, per cui, chi l’avesse avvistate ed espresso un desiderio, lo avrebbe di sicuro realizzato. È giunta l’ora, dal castello ecco che esce la fata. Tutti, con la testa all’insù esprimono un desiderio e i nostri innamorati, l’un l’altro abbracciati, lanciano la speranza del coronamento del loro sogno d’amore.
È mezzanotte, lo sposo porta la serenata alla sua “zita”: il matrimonio è ormai cosa fatta. Lei si affaccia al balcone e scende poi in strada per abbracciare il suo amante, ma ecco che arriva il Duca, adirato per l’offesa arrecatagli dal suo popolo per non aver pagato il riscatto, deciso a vendicarsi iniziando a riaffermare il diritto della prima notte sulla bella fanciulla. L’ennesima angheria, per un popolo povero e sottomesso, questa volta finisce male: è rivolta, il Duca ucciso e il castello dato alle fiamme.
L’incendio al castello, rievocato da spettacolari fuochi pirotecnici, chiudela manifestazione, lasciando i nostri sposini felici e contenti, e lo spettatore ancora immerso in un’atmosfera irreale di altri tempi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu